Presentazione

sito in aggiornamento…

Qualunque sia il tema che si affronta, se lo si rende “specifico” lo si approfondisce solo apparentemente; in realtà si perde di vista la “circolarità”, che nel nostro gruppo non è solo un modo di sedersi, ma anche un modo di vedere le cose, un abbraccio, un tentativo di cucire insieme, ri-legare e re-ligare, un modo “religioso” di vedere che non ha a che fare con nessuna chiesa e nessun credo e con tutti insieme, un modo di accogliere “naturale” e “culturale” nello stesso tempo. L’esperienza della maternità è stata presa d’assalto dal consumismo proprio grazie a questa cesura tra i “saperi”, e noi vorremmo recuperare l’unità tra la creatività e il partorire, che sono strettamente connessi. Il nostro allargarci, dunque, non fa che ampliare l’orizzonte, perché nel gruppo possano entrare persone che non hanno neppure mai avuto figli, o magari omosessuali, o anziane o non si sa bene come, purché siano creative.

La creatività è la sola qualità che consente di trasformare le cose e le situazioni: così come spermatozoo e ovulo si trasformano unendosi, tutto si trasforma quando si ri-connette con tutto il resto: è la visione sim-bolica, che mette insieme e non nega, che vede in ogni cosa una risorsa, che tiene conto nello stesso tempo delle radici più profonde e delle foglie più alte. Questo è uno dei nostri modi  di essere a servizio delle mamme e della comunità. Daniela Thomas

Chi siamo

image

Associazione di Promozione Sociale Le Balate

BIBLIOTECA DEI BAMBINI E DEI RAGAZZI

PALERMO

La Biblioteca delle Balate, nel centro storico di Palermo, è un luogo dove bambini e ragazzi possono incontrarsi e fare esperienza di alcune cose inusitate in un quartiere in cui sono presenti e visibili numerose difficoltà sociali, economiche e culturali. I bambini e i ragazzi hanno occasione di incontrarsi fra pari e con adulti in un clima leggero e rassicurante, dove, attraverso la magia di libri belli e a portata di mano e di relazioni significative, conoscono, creano, giocano, sviluppano e approfondiscono “pensiero”. L’incontro poi continua in gruppi musicali, artistici e teatrali condotti da esperti all’interno dello stesso filo conduttore: aiutare il bambino a tirare fuori il meglio di sé. La Biblioteca è localizzata nel quartiere Albergheria ed è aperta, ordinariamente, quattro giorni alla settimana; lavora, di mattina, con le scuole della circoscrizione e con molte altre scuole della città. Nel pomeriggio è frequentata soprattutto da bambini, anche molto piccoli, e da ragazzi del quartiere ed oltre. Fa parte della rete nazionale e regionale di Nati per leggere. In biblioteca si sviluppano laboratori di lettura ad alta voce, percorsi brevi e di medio periodo su argomenti vari, racconti, ambiente, filosofia, miti, letteratura, poesia, illustrazioni, arte, scienza, stili di vita, pace, diritti e legalità e altri. La Biblioteca organizza corsi di formazione per lettori e corsi di formazione per educatrici/ori, genitori ed insegnanti. Infine organizza eventi culturali su vari temi, eventi di teatro, di musica e di arte, incontri con autori ed illustratori, aderisce a manifestazioni cittadine condivise e ne organizza in prima persona.

Nell’ambito della promozione delle buone  pratiche in merito agli stili di vita all’interno dell’APS Le Balate, opera il Gruppo Maternage che promuove lo sviluppo di conoscenze, potenzialità e competenze materne attraverso la promozione, la difesa e il sostegno all’allattamento materno, il contatto immediato e costante con i piccoli attraverso fasce portabebé, massaggio infantile, lettura precoce ad alta voce.

Il gruppo maternage, offre inoltre consulenze telefoniche e/o a domicilio e informazioni sull’allattamento al seno da parte di mamme alla pari formate secondo il manuale OMS/Unicef e organizza incontri a tema con esperti e/o “da mamma a mamma” in cui confrontarsi e scambiarsi esperienze.

Orario di apertura da lunedì a giovedì 9,30-12,30  e 15,30-18, venerdì e sabato su appuntamento. Patrimonio librario: circa 6.000 libri.

 
Biblioteca delle Balate, via delle Balate 4, 90134 Palermo 
indirizzo e-mail: bibliotecabalate@yahoo.it

inbraccioallaluna_logo1_rev02_trasp-02

L’associazione culturale In Braccio alla Luna nasce con lo scopo di condividere la bellezza di una nascita rispettata e di forme di accudimento materno e paterno basati sul contatto, l’ascolto e l’empatia e si ispira ai valori della “decrescita felice”. È composta da professioniste e volontarie che offrono alle famiglie sostegno e aiuto durante la gravidanza, il parto, l’allattamento dei bambini e la prima infanzia. Fare e divulgare secondo un’ottica di genere sono i nostri due impegni per cambiare gli atteggiamenti consolidati intorno alla gestione della salute perinatale e al benessere di donne e bambini. Valorizziamo la solidarietà, il rispetto delle diversità e delle minoranze, l’ecologia nel rispetto per l’ambiente, per l’affermazione di una società tollerante, non sessista, solidale e multietnica. L’Associazione si pone inoltre come luogo di scambio di saperi, tecniche e competenze atte a liberare lo stimolo creativo di ogni donna, coppia e famiglia. In braccio alla Luna diffonde una cultura della naturalità dell’evento nascita e della crescita dei bambini che valorizzi ogni famiglia nella sua unicità, nella convinzione che una modalità di nascita rispettosa, l’allattamento esclusivo e a richiesta, il contatto fisico nei primi anni di vita del bambino e il massaggio infantile, la lettura precoce ad alta voce, sono i quattro strumenti che facilitano la soddisfazione dei bisogni di contenimento, cibo, relazione e comunicazione dei bambini. Organizziamo incontri da donna a mamma e con esperti su queste tematiche inoltre offriamo il servizio di prestito gratuito sia di fasce portabebé che di libri sul tema. Organizziamo anche momenti formativi per chiunque voglia operare nel sostegno alla genitorialità.

sede: In braccio alla Luna, Largo Primavera 9, 90143 Palermo

sito web http://www.inbraccioallaluna.wordpress.com

indirizzo e-mail inbraccioallaluna.palermo@gmail.com

Che cos’è la Sam 2013, Settimana per l’Allattamento Materno

logo_low_sam13

La Settimana per l’Allattamento Materno (SAM) – dal 1 al 7 di ottobre tutti gli anni raggruppa gli sforzi di tutti i promotori dell’allattamento materno, i governi, ed enti per sensibilizzare l’opinione pubblica e per generare sostegno, utilizzando un tema diverso ogni anno.

Il tema della SAM è lanciato dalla WABA, World Alliance for Breastfeeding Action ossia Alleanza mondiale per interventi a favore dell’allattamento, un’alleanza globale di individui, reti ed organizzazioni che proteggono, promuovono e sostengono l’allattamento al seno, basata sulla Dichiarazione degli Innocenti e la Strategia Globale per l’Alimentazione dei Neonati e dei Bambini
dell’OMS e dell’UNICEF.

Il sito internazionale della WABA dedicato alla SAM èWorldBreastfeedingWeek.org, dove si possono trovare in varie lingue i ‘calendari’ e i ‘pacchetti delle idee’ della SAM attuale e di quelle passate. La SAM viene celebrata in altri Paesi dal 1 al 7 agosto; il tema generale (con gli obiettivi, la motivazione, e la bibliografia scientifica di riferimento) viene esposto tramite un foglio a 2 facciate che ha un calendario in prima pagina. Ad esso fa seguito un action folder, un pieghevole di 6 facciate che in Italia chiamiamo pacchetto delle idee, in quanto oltre ad approfondire il tema vi si trovano delle proposte concrete di azione da attuare a vari livelli nella propria realtà locale. Questi materiali, già ricchi di bibliografia scientifica di riferimento, trovano un ottimo complemento nei resoconti delle iniziative attinenti il tema della SAM, che il MAMI invita a segnalare e mettere in rete.

Nota importante: La WABA non accetta sponsorizzazioni di qualsiasi tipo dalle ditte produttrici di latte artificiale, accessori connessi, e cibi complementari. WABA incoraggia tutti i partecipanti alla Settimana per l’Allattamento Materno (SAM) a rispettare e seguire questa presa di posizione etica. Il materiale WABA non deve essere utilizzato insieme con, oppure da parte di, interessi commerciali associati alla produzione o vendita di sostituti del latte materno, accessori connessi, tiralatte, e cibi complementari.
Partecipanti alla SAM che intendono riprodurre o adattare materiali WABA in tutto o in parte dovrebbero contattare il MAMI preventivamente e citare la WABA, mettendo il logo della SAM nei loro materiali. Spedire copia di tutto al MAMI e/o direttamente alla WABA.

OBIETTIVI DELLA SAM 2013

Fonte:

  1. Richiamare l’attenzione sull’importanza del sostegno fra pari nell’aiutare le madri ad avviare e sostenere l’allattamento al seno.

  2. Informare la gente dei benefici altamente efficaci delle peer counsellors (consulenti alla pari), e unire gli sforzi per espandere i programmi di consulenza tra pari.

  3. Incoraggiare i sostenitori dell’allattamento al seno, a prescindere dalla loro formazione, a farsi avanti e a formarsi per sostenere mamme e bambini.

  4. Individuare i contatti delle fonti locali di sostegno per le madri che allattano, dove le donne possono rivolgersi per chiedere aiuto e sostegno dopo il parto.

  5. Richiamare i governi e i punti nascita a livello mondiale a lavorare attivamente per attuare i 10 e i 7 Passi delle Iniziative Ospedale/Comunità “Baby Friendly”, in particolare i Passi 10 e 7, per migliorare la durata e i tassi di allattamento esclusivo al seno.

Quest’anno il tema della Settimana mondiale dell’Allattamento Materno (SAM) ‘Sostenere l’allattamento: Vicine alle madri’ mette in evidenza il ruolo delle peer counsellors (consulenti alla pari). Anche quando le madri riescono ad avviare bene l’allattamento al seno, troppo spesso nelle settimane o mesi dopo il parto vi è un forte calo dei tassi di allattamento, in particolare di quello esclusivo. I momenti in cui le madri non si rivolgono al sistema sanitario sono quelli in cui per loro diventa essenziale il sostegno all’interno della comunità.

Si può fornire un sostegno costante per l’allattamento in tanti modi. Tradizionalmente, sono sempre state le famiglie a svolgere questa funzione. Ma i cambiamenti socio-culturali, in particolare l’urbanizzazione, richiedono oggi che il sostegno provenga da una cerchia più ampia, che sia da operatori sanitari qualificati, da consulenti professionali per l’allattamento, da leader della comunità, o da amiche che sono a loro volta madri, e/o da padri/compagni.

Un Programma di Peer Counselling è un modo altamente efficace ed efficiente, anche dal punto di vista dei costi, per raggiungere un gran numero di madri con una maggiore frequenza. Tutte le donne della comunità possono essere formate come peer counsellor per sostenere le madri. Le peer counsellor formate, facilmente reperibili nella comunità, diventano un punto di riferimento per le madri che allattano che hanno domande e problemi. “La chiave per garantire le migliori pratiche di allattamento al seno è il sostegno continuativo e quotidiano per la madre che allatta da parte della sua famiglia e della sua comunità (1)”.

(1) Fonte: Saadeh RJ, redatto con Miriam H. Labbok, Kristin A. Cooney, Peggy Koniz-Booher (1993), Breast-feeding: the Technical Basis and Recommendations for Action: Role of Mother Support Groups, Geneva, World Health Organization, 62-74.http://apps.who.int/iris/bitstream/10665/58728/2/WHO_NUT_MCH_93.1_%28part2%29.pdf

Cerchi di sostegno per le madri e i bambini

I CINQUE CERCHI DI SOSTEGNO mostrano le potenziali influenze sulla decisione di una madre di allattare e di avere un’esperienza positiva di allattamento al seno. Già presentati per la SAM 2008, i Cerchi di Sostegno continuano a svolgere una funzione essenziale affinché le madri possano allattare i loro figli e sentirsi sostenute nella genitorialità. I CERCHI DI SOSTEGNO sono: la Famiglia e la Rete Sociale, il Sistema Sanitario, l’Ambiente di lavoro e l’Impiego, il Governo e la Legislazione, l’Unità di Crisi o di Emergenza. Tutti questi cerchi circondano le donne nel cerchio centrale.

LE DONNE AL CENTRO

Le donne si trovano al centro perché la presenza o l’assenza di sostegno ha un impatto immediato su di loro. Le donne hanno anche un ruolo importante nel trovare un sostegno e nel trasmetterlo ad altre donne.

Nella Dichiarazione relativa alla GIMS (2007) possiamo leggere: “Le madri sono da considerare partecipanti attive nella dinamica del sostegno, sia in quanto fonte di informazioni e sostegno sia in quanto persone che ricevono tale sostegno” (vedihttp://mami.org/progetto-gims-5-2007/)

FAMIGLIA E RETE SOCIALE: I mariti/compagni/padri futuri, i familiari e gli amici rappresentano la prima e continuativa rete di sostegno della madre. Il sostegno sociale comprende quello della comunità – al mercato e nei negozi, nel contesto religioso, ai giardini del quartiere, ecc. Il sostegno durante la gravidanza riduce lo stress, il sostegno durante il travaglio ed il parto rafforza la mamma e il sostegno della società aumenta la fiducia della mamma nelle proprie capacità di allattare al seno oltre le prime settimane e i primi mesi.

SISTEMA SANITARIO: Il Sistema Sanitario ha molte possibilità di sostenere l’allattamento al seno. Queste opportunità vanno da un’assistenza prenatale rispettosa della mamma, un’assistenza “amica della madre” durante il travaglio ed il parto fino a cure nel dopo parto che agevolino il legame con il neonato ed un metodo di nutrizione ottimale. Gli operatori sanitari che hanno acquisito competenze particolari nel counselling possono sostenere le mamme prima e dopo il parto.

AMBIENTE DI LAVORO E IMPIEGO: Le donne lavoratrici si trovano ad affrontare delle difficoltà e hanno bisogno di sostegno per riuscire a lavorare e allattare. Le opportunità di sostegno alle mamme sono tante quante il lavoro che svolgono, ma di solito consistono nel facilitare i contatti mamma-bambino o nella possibilità di tirarsi il latte e conservarlo.

GOVERNO/LEGISLAZIONE: Le donne che vogliono allattare o che lo stanno già facendo beneficiano del sostegno di leggi internazionali, tutele a favore di un’alimentazione ottimale per i bambini, oltre a commissioni nazionali efficienti e ben finanziate. Una legislazione che combatte una commercializzazione dei sostituti del latte materno aggressiva e che comprende leggi a favore della maternità retribuita, avvantaggia le donne che allattano.

UNITÀ DI CRISI O DI EMERGENZA: Questo CERCHIO DEL SOSTEGNO rappresenta la necessità di aiuto nel caso in cui la donna dovesse trovarsi in una situazione grave e/o inaspettata nella quale ha pochissimo controllo. Situazioni che necessitano di pianificazione e sostegno particolari sono: calamità naturali, campi profughi, procedure di divorzio, gravi malattie della mamma o del bambino, o vivere in un’area ad alta prevalenza di HIV/AIDS senza un sostegno per l’allattamento al seno.

Quest’anno Le Balate e In braccio alla Luna, associazioni palermitane impegnate nel sostegno all’allattamento tra pari, hanno scelto il loro “CERCHIO DI SOSTEGNO” attirando l’attenzione delle istituzioni e della comunità sull’importanza del sostegno tra pari negli ambienti di lavoro.

Scarica qui il PACCHETTO DELLE IDEE in versione pdf

Per informazioni ulteriori: http://www.mami.org

locandina2

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...